Accordo tra il Ministero della Salute e gli odontoiatri, in 63mila pronti a vaccinare!

Tempo di lettura stimato: 2 minuti – Data ultimo aggiornamento: 18/03/2021

Il 10 marzo appena trascorso, presso il Ministero della Salute, a margine dell’incontro con Filippo Anelli presidente Fnomceo (Federazione nazionale ordini dei medici chirurghi e odontoiatri) e Raffaele Iandolo presidente della CAO nazionale (Commissione Albo Odontoiatri) è stato dato il via affinché gli oltre 63mila odontoiatri italiani possano somministrare i vaccini anti-Covid.

Diventano così oltre 150mila i medici che daranno il loro contributo alla campagna vaccinale: i 63.600 odontoiatri si vanno ad aggiungere ai 40mila specializzandi ed ai 60mila medici del territorio (medicina generale, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali). A loro potranno aggiungersi i medici volontari, quelli pensionati e i liberi professionisti, afferma il presidente Anelli, ai quali si ricorda “il dovere deontologico di mettersi a disposizione e consentire al Paese di superare la grave crisi sanitaria: tutti dobbiamo fare la nostra parte per uscire dalla pandemia“.

L’accordo che interessa gli odontoiatri è su base volontaria e con modalità organizzative e di riconoscimento professionale da definirsi, precisa il presidente CAO Raffaele Iandolo e va considerato nella sua natura di contributo socialmente rilevante offerto dalla classe odontoiatrica italiana.

Per Anelli, “ora ci sono 150mila medici in più che possono vaccinare: se ciascuno fosse messo nelle condizioni di trattare 10 persone al giorno, in un mese avremmo somministrato 45milioni di dosi di vaccino“.

L’auspicio è che i sistemi organizzativi si adeguino rapidamente, per non sperpera la disponibilità offerta ed il patrimonio professionale che i medici in generale e gli odontoiatri in particolare stanno mettendo a disposizione della Nazione tutta.


Attenzione

Le informazioni fornite in questo articolo, sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun modo il consiglio di un medico abilitato (cioè un laureato in medicina abilitato alla professione) o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, fisioterapisti, e così via).

Le nozioni e le eventuali informazioni su procedure mediche, posologie e/o descrizioni di farmaci, di integratori alimentari o di ingredienti d’uso, presenti nei testo hanno unicamente un fine illustrativo e non consentono di acquisire la manualità e l’esperienza indispensabili per il loro uso o la loro pratica.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.